Diving e Snorkeling all’Asinara

Diving e Snorkeling all’Asinara

Asinara Scuba Diving Center é autorizzato a effettuare immersioni guidate, snorkeling ed escursioni charter all’interno del Parco Nazionale dell’Asinara. L’ area marina protetta è stata individuata e perimetrata con Decreto ministeriale del 13 agosto 2002 ed è meta ogni anno di numerosi visitatori grazie alle bellezze di cui gode. Per quanto riguarda l’ attività subacquea i siti di immersione offrono degli spettacoli a volte unici sia per la bellezza incontaminata e selvaggia dei fondali sia per la ricchezza di pesce presente. In queste pagine troverete la descrizione delle immersioni che Vi proporremo non solo all’Interno del Parco dell’Asinara ma anche al di fuori dove esistono dei siti di rara bellezza ugualmente incontaminati.

 

REGOLE:

1) Le immersioni all’interno dell’area marina protetta possono essere effettuate solo dai centri di immersione autorizzati nelle aree “B” e “C”.

2) E’ vietato utilizzare le ancore ed ogni sito è dotato di proprio gavitello sommerso.

3) E’ vietato il contatto fisico con ogni forma di vita acquatica e prelevare qualsiasi oggetto dal fondo del mare.

4) Ogni immersione con il nostro diving sarà preceduta da un appropriato briefing che spiegherà le regole e le caratteristiche di ogni immersione in maniera più che soddisfacente.



Le immersioni nel parco

Punta Salippi

Nella costa ovest, verso sud, troviamo Punta Salippi. La prima punta nel passaggio dello stretto di Fornelli tra l’ isola Piana e l’ Asinara. Un sito che si presta a diversi percorsi : da una magnifica parete che arriva fino a 30 mt. di profondità ad un piccolo grottino con un canalone in bassa profondità (18 mt. max) abitato da mustelle corvine di grandi dimensioni e più a fondo aragoste cernie e qualche grongo. Immersione facile o impegnativa in base al percorso scelto.

 

Punta Agnadda

Proseguendo verso nord, sempre sul lato ovest, troviamo Punta Agnadda, regno, un tempo, di numerose aragoste, ora sostituite da branchi di corvine, cernie, e a soli 8-10 mt. di profondità, barracuda che si incrociano con salpe e castagnole. Un fondale luminoso e caratterizzato da innumerevoli pinnacoli e passaggi molto scenografici. Immersione facile in bassa profondità (18-20m.), esiste un percorso alternativo alle aragoste fino a 33 m.

Punta Tumbarino

A pochi passi, salendo verso nord, si trova Punta Tamburino dove , al largo, una spettacolare secca, la cui testa arriva fino a 4 metri e mezzo di fondo, offre un paesaggio quasi surreale. Ci si insinua tra piccoli canyon, buche, massoni e quant’altro. Anche qui, cernie, mustelle e murene che sono ospitate dalle molteplici tane che vi si trovano. Immersione facile, con la possibilità di scegliere la profondità massima (30 m.) ruotando in torno al cappello. Sconsigliata in presenza di corrente.

Costone dei Tamburi

Superata Punta Tamburino a pochi metri dalla costa c’è il Costone dei Tamburi ,uno tra i più spettacolari punti di immersione dell’ isola. Una immersione facile, per tutti, in bassa profondità dove è possibile ammirare quanto di meglio il mare possa offrire: enormi branchi di barracuda che ruotano intorno, nuvole di saraghi e salpe che si incrociano con castagnole, cernie brune di tutte le dimensioni in un fondale che sembra fatto apposta per il ripopolamento. Canyon, piccole gole, pozzi, massoni, con dentro corvine , murene e di più. Immersione facile tra i 16 e 18 m., si può arrivare, volendo fino a 25m., ma il meglio è di sicuro più in alto.

Isolotto dei Candelieri

Spostandoci piu a nord troviamo gli Isolotti dei Candelieri. Entro i 18 mt. con molta luce, massoni e piccoli canyon dove passano barracuda e qualche famigliola di dentici, il resto non manca. Si tratta di scogli affioranti sotto costa e si trovano in una zona caratterizzata dall’ alta temperatura dell’ acqua. Immersione molto facile .

Punta Grabara

Punta Grabara è a circa 3 miglia a nord dei Candelieri. E’ un sito di immersione poco frequentato, ma di rara bellezza, caratterizzato da un fondale frastagliato e ricco di aragoste, murene, cernie , corvine e saraghi dove la flora subacquea fa la sua parte. L’ immersione è di media difficoltà con una profondità massima di 36 m.

Costa Est

La costa di levante dell’ isola lambisce il golfo dell’Asinara chiamato anche “mare di dentro”. Sul lato est dell’ Asinara, partendo sempre da sud verso nord, incontriamo Punta Barbarossa, un punto di immersione ideale per gli snorkelisti, caratterizzato dalle acque poco profonde ma ricche di reperti archeologici della civiltà romana, frutto di numerosi naufragi, dove la costa è caratterizzata dalla presenza di innumerevoli secche di roccia granitica. A volte capita di vedere trigoni di passaggio, aquile di mare. Il fondale è abitato da saraghi, qualche murena, salpe e rigorosamente in tana qualche piccola cernia bruna. In 3 metri di fondale sotto costa si può ammirare una diga fatta in epoca romana, ora sommersa completamente dal mare. Immersione facile, quadra che consente una lunga permanenza in acqua.

Punta Lunga

A circa 200 metri di distanza c’ è Punta Lunga, un’ altro sito di immersione con le stesse caratteristiche.

Punta Trabuccato

Attraversando in largo la Rada della Reale arriviamo a Punta Trabbucato, altro sito di immersione, di facile esecuzione caratterizzato dal fondale ricco di praterie di posidonie alternate da rocce e tane dove è possibile incontrare saraghi, occhiate e qualche murena.

Punta Sabina

Superato il paese di Cala d’ Oliva il gavitello è a Punta Sabina. Un incantevole immersione fino a 18mt. per vedere i polipi che a maggio si accoppiano. Famiglie di cernie che convivono con grosse corvine. Murene e gronghi ad un passo dagli scorfani, a volte grandi quanto un gatto. Fondale luminoso di roccia granitica e piazzole di posidonia che, molto spesso sono attraversate da grossi branchi di barracuda. E’ un punto di passaggio e a volte possibile vedere solitarie aquile di mare e trigoni, un acqua molto spesso cristallina e pulita fa si che si possano osservare numerosi nudibranchi. Immersione facile, bisogna prestare attenzione in presenza di corrente.

Punta dei Corvi

La punta subito dopo si chiama Punta dei Corvi, a circa 200 mt. dalla costa , verso il largo c’ è la città delle cernie. Uno spettacolo che mozza il fiato. In un immersione quasi quadra che può portare fino a 25 mt. di profondità, abitano il più grande gruppo di cernie brune dell’ isola, alcune di queste possono arrivare fino a 40 kg.. Sono tante disseminate in un area abbastanza ristretta, sono curiose si lasciano avvicinare ma non toccare. E qui che incontriamo branchi di ricciole e dentici a volte solitari. Trigoni e se si è fortunati anche il pesce balestra anche barracuda in profondità. E’ sicuramente una delle più belle immersioni del parco. Il sito d’ immersione consente di effettuare diversi percorsi in profondità variabili da 18m. a 30 m.

3 Comments

  1. Bonjour!
    Nous aurions la possibilité de plonger chez vous le jeudi 16.07. Nous souhaiterions plonger sur l’Astuce des Ravens, auriez-vous des disponibilités, si oui, combien de places pour ce jour? Pourriez-vous me dire le prix des plongées, si possibilité de partir toute a journée?
    Merci pour vos renseignements.
    Mon mail: isa.rvm@free.fr
    Isabelle Mérindol

  2. Che dire, mi sembra fantastico! Ma l’acqua è così fredda come dicono?

    • No, tranquilla, non è così fredda come dicono!

Rispondi

Top

Pin It on Pinterest

Share This